Innovazione nelle terapie del diabete mellito

Commento_AMD-SID-SIEDP_a_HTA_report

Credo si autile sapere cosa dicono le associazioni mediche e le agenzie regolatrici sui due sistemi innovativi per la cura del DM1: il microinfusore, i sensori del glucosio, e la combinazione dei due nella cosiddetta “SAP” acronimo per “sensor augmented punp”. La revisione ha preso in esame le prese di posizione al 2012 di associazioni elinee guida di vari paesi, sia in generale che in particolare nel gruppo di età da 0 a 18 anni. In questo gruppo di età le conclusioni sono !! sic ancora deludenti, ma … se si va a guardare dentro si hanno delle piccole e favorevoli sorprese. La cosa più importante in sintesi è questa:
mettere assieme tutti i dati e fare una statistica non serve a niente, bisogna saper scegliere le persone e formarle per avere dei buoni risultati:
quindi SELEZIONE DEI PAZIENTI .(medico e paziente informato insieme) e
FORMAZIONE CONTINUA
In poche parole il MICRO funziona meglio (ovvero abbassa l’HbA1c e riduce le ipo) nei pazienti con HBA1C elevata o con ripetute ipoglicemie gravi
Il sensore, combinato o no con la pompa, funziona meglio se parti da HbAc alte e lo porti spesso.
Bambini ed adolescenti: campo molto difficile, ma lo è anche per la terapia tradizionale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: